089 481820 - Via Cristoforo Capone, 59 Salerno info@caosinforma.it
N. 144 - maggio 2021
Dal territorio

ALCUNE PROPOSTE DEL CENTRO STUDI E FORMAZIONE CAOS

Di seguito alcune proposte del centro studi e formazione caos in tema di diagnosi integrata 

EUROPASI

 (Addiction Severity Index) Bisogni e richieste d’aiuto

 L'Addiction Severity Index (ASI) è un'intervista semi-strutturata relativamente breve costruita allo scopo di raccogliere informazioni sulla vita di un utente che abbiano rilievo per la sua sindrome da uso di sostanze psicoattive.

 OBIETTIVO Il corso intende offrire le cognizioni necessarie affinché l’intervista venga condotta in modo da poter sviluppare un profilo dell'utente utilizzabile in un secondo momento. Di fatto è di particolare importanza che l’utente comprenda lo scopo dell'intervista.

LE PAROLE PER DIRLO

Parlare di un tema complesso e delicato come quello che riguarda persone che al "problema in più" della tossicodipendenza associano un'ulteriore grave sofferenza psichica non può prescindere da una chiarificazione dei termini in questione.

(Dalla premessa)

“C’è un rischio nel parlare di “doppia diagnosi”. Il rischio è quello di assecondare la pseudo cultura dell'etichettamento, più o meno scientifico, e la sua subdola capacità di recintare in un ghetto più o meno simbolico, persone in difficoltà.

Recintare il tossicodipendente nel luogo della "diagnosi", per di più "doppia", ha il sapore di una regressione culturale e scientifica. Per trasformare questo rischio in un'opportunità abbiamo avvertito il bisogno di riprendere la questione, a cominciare dalla terminologia usata (e talvolta abusata) in ambito medico, psichiatrico e psicologico. Con il corso di formazione "le parole per dirlo" dedicato alla conoscenza degli "psico-termini", abbiamo suggerito una rivisitazione della stessa terminologia. L'obiettivo, sullo sfondo, è quello di favorire una maggiore integrazione tra scienze sociali, sapere medico-sanitario ed esperienze terapeutiche maturate sul campo. Ma è soprattutto quello di non smarrire il primato della persona da riaffermare con chiarezza nell'ottica di una sua "salutare" responsabilizzazione, in qualsiasi condizione di partenza si trovi. Una persona che, al di là dei tanti segni di disagio che esprime, in fondo richiede sempre e comunque un incontro competente, fatto di ascolto, empatia, solidarietà”.

OBIETTIVO

· Favorire l’acquisizione di un metodo di progettazione attraverso un insieme di azioni, riflessioni, verifiche che conducono da un’idea alla sua realizzazione sino alla valutazione

· Progettare e implementare il servizio di supporto agli immigrati, accolti dal Centro La Tenda Fasi Fase di analisi

PER UN ULTERIORE APPROFONDIMENTO

Vai sulla piattaforma caosmill per conoscere i diversi moduli formativi relativi agli strumenti psicodiagnostici utilizzati dal centro studi e formazione caos